Categorie

Categorie

Ultimi post

Ultimi post

Tutti i post
Cerca

Cerca

Le cinque tradizioni natalizie più particolari al mondo

tradizioni natalizie strane nel mondo

Un famoso detto popolare recita «paese che vai usanze che trovi» ed è particolarmente vero quando si parla di tradizioni natalizie nel mondo. Ogni paese del mondo festeggia il Natale in modo diverso ed esistono molte tradizioni che, viste dall’esterno, sembrano decisamente inspiegabili. Il Natale in spiaggia australiano e il pollo fritto giapponese sono solo la punta dell’iceberg delle tradizioni più particolari e interessanti che si possono trovare in giro per il mondo: eccone altre cinque che riusciranno certamente a stupirvi!

Una tradizione natalizia austriaca: i Krampus

Non si può parlare di tradizioni natalizie nel mondo senza citare i Krampus. Tutti noi conosciamo Babbo Natale e la sua lista di bambini buoni o cattivi, ma per i monelli che vivono in Austria durante le feste c’è una preoccupazione in più. I Krampus sono l’anti Babbo Natale, dei mostri che vagano per le strade nella notte del 5 dicembre alla ricerca di bambini cattivi. Indossano maschere spaventose e sono preceduti dal suono dei campanacci che portano legati in vita. È possibile imbattersi nei Krampus anche in Sudtirolo e agli Universal Studios americani, che hanno deciso di prendere in prestito questo personaggio durante le loro Halloween Horror Nights.

In Norvegia, nascondete le vostre scope!

I norvegesi hanno una tradizione natalizia molto particolare. Infatti, la notte prima di Natale si assicurano di nascondere tutte le loro scope. Questo perché tempo fa si credeva che spiriti maligni e streghe uscissero allo scoperto proprio la notte della Vigilia: secondo una leggenda, dunque, se il 24 dicembre una scopa viene lasciata in giro per casa questa attirerà una strega cattiva. La fattucchiera ruberà la scopa e rovinerà il Natale per tutti. Quindi è necessario stare molto attenti! Non solo: i norvegesi credono anche nell’esistenza di un piccolo gnomo, chiamato Nisse, che fa i dispetti ai bambini, a meno che questi non gli offrano in regalo una tazza contenente del porridge preparato apposta per lui. 

Ucraina: cosa non dimenticare nell’addobbare l’albero di Natale?

Oltre che con palline colorate e luci scintillanti, in Ucraina l’albero viene addobbato anche con delle ragnatele finte. È sicuramente una delle più particolari tradizioni natalizie nel mondo, che lascia tutti a bocca aperta e deriva da un’antica leggenda: si racconta che una vedova vivesse in una vecchia casa coi suoi figli. La famiglia era molto povera e non aveva abbastanza soldi per addobbare il proprio albero di Natale. Così, la notte della Vigilia, donna e bambini andarono a letto, consapevoli che la mattina dopo li avrebbe accolti un albero spoglio e privo di decorazioni. I ragni, percependo la tristezza dei bambini, decisero di creare tante bellissime ragnatele per decorare l’albero in maniera semplice ma elegante. Oggi, aggiungere una ragnatela al proprio albero è sinonimo di buona fortuna.

Il ceppo natalizio catalano: una dolce sorpresa

Quella del Tió De Nadal è una tradizione tutta catalana, molto amata dai bambini. Ogni anno i più piccoli prendono un ceppo di legno e lo decorano a loro piacimento, di solito con una faccia sorridente e il tipico berretto catalano. Dall’8 dicembre al 24, questo pezzo di legno riposa sotto una coperta, vicino al camino, e viene riempito di frutta, torrone, nocciole e cioccolatini. La sera della Vigilia i bambini iniziano a colpirlo con dei bastoncini, mentre cantano la canzone a lui dedicata. Una volta finita la canzone e sollevata la coperta non resta che scoprire, e mangiare, tutte le sorprese che sono state nascoste al suo interno nei giorni precedenti!

La più particolare tradizione natalizia tedesca: il cetriolo di Natale

Una tradizione tedesca che risale al XVI secolo prevede che tra gli addobbi dell’albero ne venga nascosto uno a forma di cetriolo. Le origini di questa usanza sono state ormai dimenticate: esistono tante leggende che cercano di spiegarne la ragione alla base, ma nessuna viene considerata quella autentica all’unanimità. Tra le possibili spiegazioni ci sono una leggenda riguardante il buon cuore di San Nicola, una legata a un coraggioso combattente della Baviera e una storia che riconduce il tutto a una trovata di marketing statunitense. Quello che è certo è che il primo che trova la curiosa decorazione la mattina di Natale riceve un regalo extra!